Contribuzione studentesca

  • Home
  • /
  • Contribuzione studentesca

TASSE UNIVERSITARIE

Come Organizzazione studentesca da anni crediamo sia necessario portare l’obiettivo della gratuità dell’istruzione, già presente in altri Paesi Europei

Per arrivare a questo obiettivo crediamo che innanzitutto sia necessaria una regolamentazione nazionale dei sistemi di contribuzione degli atenei in modo da uniformarne i criteri e renderli maggiormente equi.

Ecco i principi che proporremo di introdurre attraverso il CNSU:

  • No Tax Area per tutti coloro che hanno ISEE inferiore ai 28000 mila euro per garantire davvero a tutte e tutti la possibilità di iscriversi all’università e contrastare gli abbandoni;
  • Uniformare i sistemi contributivi ai principi di continuità e di progressività, in modo che a una differenza di reddito minima non determini un aumento improvviso della tassazione, e che chi ha maggiori disponibilità economiche contribuisca in proporzione maggiormente rispetto a chi è in condizioni di difficoltà;
  • Istituire un massimale unico per tutte le università italiane, per fermare la deriva che si sta creando tra università di serie A, con una tassazione che supera in alcuni casi i 3000 euro l’anno e una didattica fortemente attrattiva per gli studenti, e università di serie B, impossibilitate a mantenere alti standard di qualità e conseguentemente richiedere una tassazione elevata;
  • Abolire ogni differenziazione della tassazione basata sul “merito”, o sul corso di studi frequentato; la contribuzione studentesca è per l’appunto un “contributo” al funzionamento dell’università e non deve quindi essere utilizzata per premiare o punire gli studenti in base ai risultati che ottengono nel proprio percorso universitario; deve quindi essere abolita ogni penalizzazione per gli studenti fuoricorso.

Tutti questi interventi non potranno ovviamente essere a carico degli atenei, è necessario quindi un aumento dei finanziamenti dello Stato allo scopo di reintegrare le risorse perse a causa di questi interventi; le risorse necessarie per attuare questi interventi devono essere previste all’interno del Fondo di Finanziamento Ordinario alle università.

Per approfondire, leggi la nostra proposta completa sulla contribuzione studentesca “Tu da me volevi solo soldi” : https://bit.ly/2TNlC2w .